QUI C’É PUZZA DI BRUCIATO! – Le 10+1 domande che salveranno il tuo acquisto

 

Ti sembrerà impossibile che un agente immobiliare possa “fregare” un cliente di questi tempi.

O forse hai la convinzione che un professionista non possa permettersi di farlo perché oggi le voci corrono e cose del genere si vengono a sapere.

Ma distinguiamo le cose.

Agenti immobiliari che di proposito truffano i clienti perché vogliono arricchirsi in fretta e poi scappare, ce ne sono gran pochi e non vanno molto lontano.

Ma agenti immobiliari primitivi che sbadatamente applicano al loro lavoro un metodo anni ’70, che può “fregare” il cliente e fargli perdere tempo e soldini, ce ne sono tanti, è pieno il mercato.

E quelli non andranno molto lontano ma continuano ad andare “fin che la barca và”.

 

E per il mercato ed i clienti è un problema.

Perché ormai in alcune persone certi parametri di un metodo anni ’70 sono diventati quasi normali, quasi giustificabili.

Ma non deve essere così.

Perché di mezzo c’è la tua compravendita di una casa, la cosa materiale più importante per la maggior parte delle famiglie.

E con la tua compravendita ci sono il tuo tempo, i tuoi progetti, la tua famiglia ed il tuo denaro, che non credo tu voglia buttare nel cestino.

Quindi leggi con attenzione queste domande e ponile alla persona a cui ti affidi per la compravendita.

Fai attenzione soprattutto alle ultime due.

 

1.  Posso intanto vedere io la casa per capire se poi è il caso di far venire anche il resto della famiglia?

Questa domanda sembra superflua ma ti può dare indizi molto importanti sul metodo di lavoro di cui parlavamo prima.

Se un agente è disposto a fare “visite scaglionate”, cioè prima porto il marito, poi la moglie, poi il papà di lui perché aiuta con i soldi, poi la mamma di lei perché decide lei, poi l’architetto ecc.., vuol dire che questo agente furbo non ha in nessun modo cura del suo tempo a disposizione e ancor peggio di quello dei suoi clienti.

Perché?

Perché se ci tenesse a fare un lavoro di qualità prima di tutto ti chiederebbe cosa ricerchi e quali sono le persone che faranno parte della decisione dell’immobile, e di conseguenza eviterebbe di farti fare 6 visite nella casa dello stesso cliente.

Magari alla sesta visita arriva l’architetto e dice “Eh ma so che qua hanno costruito male”. Così salta tutto.

Ottimo lavoro agente primitivo!

 

2.  Il sabato lavori e sei disponibile per visite o appuntamenti? 

Altra domanda innocua ma fondamentale.

Se un agente immobiliare ha un buon giro di clienti, è molto probabile che abbia reso il suo servizio disponibile anche nella giornata di Sabato.

Attenzione però, ci sono anche agenti che tengono aperto il Sabato e stanno lì seduti a giocare col computer perché non hanno nulla da fare.

Quindi l’apertura di Sabato non significa aver trovato uno Specialista delle Compravendite al 100%, ma la chiusura molto probabilmente significa il contrario.

 

3.  Quante visite mediamente fa un tuo cliente prima di trovare la casa giusta?

Qua cominciamo ad entrare nelle domande più importanti. 

Il numero di visite medio che un cliente di quell’agente fa prima di trovare casa, è un parametro importantissimo.

Preferisci annusare 20 profumi per scegliere quello che più ti piace, o preferisci avere l’assistenza di uno Specialista che ti indirizza a dover scegliere al massimo tra 2 essenze?

Hai presente come ci si sente dopo essere stati in profumeria ed aver annusato un po’ di profumi?

Non diciamo che non ricordi neanche come ti chiami ma sei assolutamente incapace di capire tra tutte quelle prove quale sia l’essenza giusta per te, il tuo olfatto è anestetizzato.

Ma tra tutte quelle prove magari quella giusta per te c’era. Ma non lo capisci più.

Lo stesso succede per le case, quindi diffida di chi ti dice che per comprare serve vedere tante case, una decina o la classica frase “tutte quelle che servono”.

Uno Specialista che ti ascolta e capisce le tue esigenze va a colpo sicuro, perché nel mercato di case per te ce n’è una, forse due, non di più.

 

4.  Quante vendite hai portato a termine l’ultimo mese? E l’ultimo semestre? Posso vedere le statistiche delle tue vendite?

Un professionista che vende 18/20 case in un anno, è un buon professionista rispetto alla media nazionale.
Se questo ti dice che ne ha vendute meno di 18, non fidarti.

Se poi, dopo averti detto i suoi risultati, comincia a giustificarsi con la crisi e dando la colpa ai clienti acquirenti, sta cercando solo delle scuse per non ammettere di non essere in grado.

 

5.  Posso parlare con qualcuno a cui hai già venduto casa? Puoi darmi delle referenze di quelli che sono già stati tuoi clienti?

Fatti dare referenze reali, con foto e magari con un contatto, di clienti con cui questo agente ha lavorato, sempre per confermare quello che dice.

Se è un professionista specializzato e che lavora bene, di sicuro le avrà con sé e potrà fornirtele.

 

6.  Fai l’Agente Immobiliare come unica attività o ti occupi anche di altro?

Se un agente si occupa anche di negozi, attività commerciali, di aziende, di affitti o altro oltre alla vendita di immobili residenziali, cioè case, quasi sicuramente lo fa perché non riesce a vivere solo con la vendita di case. 

E cerca di arrotondare e di portare a casa qualcosa occupandosi un po’ di tutto.

Avresti fiducia in un medico che deve fare anche il rappresentante di medicinali per arrivare a fine mese?

 

 

7.  Di quanto posso trattare mediamente gli immobili che mi mostrerai?

Questa è una domanda che gli agenti immobiliari odiano sentirsi fare, perché qui “casca il palco” come si dice.

Alcuni hanno la rispostina fatta tipo “Prima vediamolo poi parliamo di trattativa”, altri dicono “Bè il proprietario mi ha detto che non ha urgenza però se c’è interesse si parla”, ecc.

Uno Specialista delle Compravendite di immobili residenziali non risponderebbe mai così, perché prima di prendere in gestione un immobile ne approfondisce la conoscenza del valore.

Di conseguenza ti mostrerà solo immobili in linea con il mercato, e sarà facile per te individuarli e capire che la trattativa è limitatissima se non impossibile.

Uno che ti risponde che si può trattare, è come se ti dicesse “Ho case fuori mercato, se tratti molto bene forse la compri a prezzo di mercato, se non trattiamo bene rischi anche di pagare un po’ di più di quello che vale”.

 

8.  Hai realizzato uno Studio Professionale di mercato per fissare il prezzo dell’immobile che mi stai proponendo? Lo posso vedere?

Questa domanda segue quella di prima.

Per riconoscere un vero Specialista e un professionista, chiedi sempre una stima scritta dell’immobile che l’agente vuole farti vedere o comprare.

Perché se questo agente ha fatto la classica stima “a occhio”, metti già in conto che il prezzo di quell’immobile potrebbe essere sbagliato di migliaia e migliaia di euro, e ne tu, ne l’agente, potete sapere di quanto.

Questo è il professionista che vuoi?

 

9.  Posso visionare l’Attestato di Prestazione Energetica dell’immobile?

Questo documento è fondamentale. (clicca qui per approfondire l’argomento)

Se ti viene “nascosto”, possono esserci due motivi: o la classe energetica è bassa e l’agente ed il proprietario si sono messi d’accordo solo per farla venire fuori quando c’è già l’interesse della persona, che poi non si tirerà più indietro, oppure l’agente non l’ha fatto fare perché “poi si farà”.

E’ questo il professionista che vuoi??

 

10.  La casa che mi stai proponendo è certificata?

Questo passaggio è fondamentale.

Una casa che ha un problema, per quanto piccolo ed insignificante sia, può rovinare la tua compravendita.

Immagina di innamorarti di un immobile e di fare un preliminare.

Immagina di aspettare 6 mesi dal preliminare al rogito perché chi vende deve trovare un’altra casa e traslocare.

Immagina nel frattempo di mettere in vendita la tua di casa e di impegnarti a consegnarla per una data.

Immagina poi che a 20 giorni dal rogito, salti fuori che manca il certificato di agibilità e che per produrlo servono 60 giorni.

Tu hai immaginato, ma sono cose già successe.

Certificare una casa per un’agenzia è un costo, ma per un’agenzia strutturata non è un problema.

Ed avere un documento di un architetto o geometra che dice che la casa è perfetta, per uno Specialista della Compravendita è fondamentale, per un agente immobiliare primitivo no.

Tanto ricorda bene che lui al preliminare la provvigione se la prende!

 

11.  Posso vedere le Visure Ipotecarie dell’immobile prima di procedere?

Questo documento può salvarti decine di migliaia di euro.

Una casa con un’ipoteca che il proprietario tiene nascosta, si può scoprire solo così.

E ti assicuriamo che il 90% degli agenti immobiliari non lo produce, perché è un costo e perché tanto sull’incarico il proprietario ha firmato.

Quindi tu dai la caparra, l’agente prende la provvigione e poi viene fuori il disastro.

E quei soldi tu NON LI VEDI PIU’, perché se li intascano i soggetti che li avanzano da quel proprietario.

Adesso sai come si fa a scegliere l’Agente Immobiliare giusto: basta fare le domande chiave e vedere cosa ti risponde. Solo così potrai capire se il tuo acquisto e i tuoi soldi sono in buone mani.

 

Se a queste domande riceverai delle risposte negative o evasive, o non ti verrà fornito del materiale che dimostri quanto affermato, faresti meglio a cercare un altro Agente Immobiliare a cui affidarti.

 

Ci vediamo presto nel mercato immobiliare.

 

 

 

 

 

Andrea e Alex – Gli specialisti della Compravendita di Case

Fondatori di Gruppo Garanzia Immobiliare

Creatori del Metodo Compravendita Sicura

Autori del libro “Ignoranza Immobiliare“, disponibile su Amazon a questo link: https://goo.gl/dm3Zex

 

Lascia un commento