BENEFICENZA IMMOBILIARE: COMPRATORE INNAMORATO MEZZO (O TUTTO) FREGATO

Solitamente funziona così, a meno che tu non abbia ancora mai scelto una casa in vita tua.

Ma lo puoi immaginare. Se hai provato il colpo di fulmine, l’emozione che si prova quando si vede quella che si pensa sia la persona giusta è incredibile, è proprio come innamorarsi.

Per quante persone tu abbia incontrato e conosciuto in vita tua, quando vedi quella… SBAM!

Succede una cosa inspiegabile, e da quel momento puoi fare quello che vuoi, ma quella persona ti gira in testa e continua a girare.

Lo stesso succede per la scelta della casa.

La maggior parte dei nostri clienti, quando vede la casa giusta, prima ne ha già viste altre, a volte anche decine, ma nessuna casa gli ha dato quell’emozione e quella sensazione di cui parlavamo prima.

 

Che bello, vero?

Bè, ferma tutti i sogni e le immaginazioni che ti stai facendo in testa.

Perché questo, per chi compra casa, è un problema enorme.

Un problema che può costare migliaia e migliaia di euro, perché “quell’innamoramento” rende le persone poco lucide, proprio come in amore.

E questo succede soprattutto per quegli acquirenti che si muovono privatamente nel mercato o che scelgono di affidarsi ad un agente immobiliare primitivo.

 

Sai perché?

Perché il percorso che fa di solito quel tipo di cliente è sempre il solito.

 

Comincia a cercare in internet, trova qualcosa che gli piace, chiama (che sia privato o agenzia) e fissa un appuntamento.

E se capita nella casa di cui si innamora, è fregato.

Perché se compri da privato compri anche il prezzo fatto dal privato.

E mettiti nei panni di quel privato che vende.

Se dovessi vendere casa tua, dì la verità, il prezzo che sceglieresti sarebbe proprio quello reale di mercato o aggiungeresti un po’ di margine?

E magari tu sei anche una persona abbastanza logica, ma ti assicuriamo che c’è chi sopra alla casa mette di tutto.

Il prezzo a cui l’ha comprata, le tasse che ha pagato, i lavori che ha fatto, i mobili e soprattutto l’ingrediente più pericoloso per chi poi dovrà comprarla, cioè il valore affettivo.

E non stiamo accusando nessuno, anche noi nei panni del venditore probabilmente faremmo alcuni di quei ragionamenti.

Ma se sei l’acquirente e ti ritrovi innamorato di una casa del genere, con un prezzo del genere, è difficile che tu esca senza ossa rotte e cuore spezzato da questa “cotta”.

Se non sai applicare uno Studio Professionale sull’immobile che stai per comprare, non potrai mai sapere se la cifra che stai pagando è giusta oppure se stai comprando anche il tanto caro valore affettivo del proprietario.

Per capire come funziona l’unico Studio che ti dà come risultato il Massimo Valore di mercato realizzabile di un immobile, leggi l’articolo clicca qui.

 

Ma facciamo un esempio pratico tanto perché il discorso risulti chiaro.

 

Se un immobile secondo lo Studio Professionale di Mercato ha valore di 135.000 euro, ma il proprietario non segue questa indicazione e vuole fare di testa sua (ci capita molte volte), sceglie di mettere la casa nel mercato alla cifra di 155.000 euro.

Perché così tanto ti chiederai? Per tutti i motivi detti prima ma sicuramente perché prevede che qualcosa si tratterà, perché alla fine lui vuole portare a casa 145.000.

Poi arrivi tu, entri nella casa, ti piace, ti innamori.

 

Cominci la trattativa, parti da 145.000 perché trattare oltre 10.000 euro ti sembra brutto e hai paura che ti scappi la casa.

Il proprietario ti dice 150.000 euro e tu, anche se volevi spendere meno accetti.

Ta dan! Il gioco è fatto.

 

Allora 150.000 – 135.000 = 15.000 euro BUTTATI VIA!

Che in percentuale sono circa il 10% in più.

Non so tu quanto impieghi tu, ma per mettere via 10.000 euro serve un po’ di tempo e qualche mese di lavoro, no?

 

Ma sappiamo già cosa ti starai dicendo: io non mi faccio fregare, conosco il mercato, non darò mai di più di quello che un immobile vale!

Bè, su questo argomento ti invitiamo a leggere un articolo che abbiamo scritto proprio per spiegare perché sbagli se pensi di conoscere davvero il mercato e i valori, clicca qui.

Prima abbiamo detto che questo succede anche se ci si affida all’agente immobiliare sbagliato, o come lo chiamiamo noi primitivo, per alcuni motivi principali:

  1. l’agente immobiliare primitivo non effettua uno Studio per capire il vero valore dell’immobile, o per scelta o perché non ne è in grado. Quando si accorda con il cliente accetta ad occhi chiusi la cifra che gli viene detta rimandando tutto al solito “poi trattiamo”. Ma se la casa è quella a 150.000 € di prima, la trattativa andrà a finire sempre a 145.000 € e i tuoi soldi andranno sempre in fumo.
  1. se effettua una stima, l’agente primitivo la basa su parametri errati che non danno un risultato veritiero. Puoi verificarli qui LINK. Quindi, tirando le somme, comprare da privato conviene se hai davvero competenza per quanto riguarda i valori immobiliari.

E in questo articolo ti abbiamo parlato solo dell’aspetto del valore della casa.

Un altro argomento che è da approfondire è la documentazione che dovresti richiedere e recuperare obbligatoriamente per avere la sicurezza di non prendere cantonate dolorose.

Ricordati, basta anche un solo documento mancante per perdere fino a 50.000 euro.

 

Ci vediamo presto nel mercato immobiliare.

 

 

 

 

 

Andrea e Alex – Gli specialisti della Compravendita di Case

Fondatori di Gruppo Garanzia Immobiliare

Creatori del Metodo Compravendita Sicura

Autori del libro “Ignoranza Immobiliare“, disponibile su Amazon a questo link: https://goo.gl/dm3Zex

 

>

Lascia un commento